Canarini T1 Biscuit

Miscuglio 6 semi + scaglie di biscotto. Accattivante nell’aspetto, ed appetito dagli animali. È l’alimento ideale per l’allevatore, hobbista.

COD: 6001 Categoria:

Composizione

Scagliola, Ravizzone rosso e nero, Avena decorticata, Biscotto (prodotto del panificio), Niger, Lino, Canapa

Confezioni

Kg: 20 – Pz: 1 – Confezione: Sacco 20 kg – Cod: 6001

Kg: 1 – Pz: 12 – Confezione: Sacchetto 1 kg x 12 pz – Cod: 6001/1

Kg: 4 – Pz: 5 – Confezione: Sacchetto 4 kg x 5 pz – Cod: 6001/B

Informazioni aggiuntive

Animale 2

Animale 1

Tipo prodotto

Settore

Brand

Generale

Il Canarino T1 Biscuits oltre a garantire un apporto bilanciato di grani di elevata qualità organolettica, integra gli stessi con amidi trattati termicamente e caratterizzati da una elevata digeribilità (biscotti). È indicato per soggetti da appartamento od allevati in climi caldi ove non necessitano di elevati apporti lipidici.
Il Serinus canaria domestica, spesso semplicemente conosciuto come il canarino, è una forma addomesticata del Serinus canaria che vive libero in natura nella regione biogeografia della Macaronesia (Azzorre , Madeira e Isole Canarie ). I Canarini sono stati allevati in cattività già a partire dal 12° secolo, divenendo nel 1600 di gran moda nelle corti spagnole ed inglesi. Si diffusero però in tutte Europa solo a seguito dell’allevamento sistematico operato in Italia che ne ridusse drasticamente i costi d’acquisto.
I Canarini Domestici vengono suddivisi, creando di fatto vere e proprie sottospecie in Canarini di forma e posizione, Canarini di colore e Canarini da canto.

Istruzioni per un uso corretto

La somministrazione giornaliera dell’alimento dovrà corrispondere alla quantità mediamente consumata nelle 24 ore, avendo cura di provvedere prima di ogni somministrazione alla pulizia e lavaggio della mangiatoia. Tale pratica igienico sanitaria dovrà essere estesa anche all’abbeveratoio, garantendo acqua fresca e pulita sempre a disposizione.

Curiosità

Nota di colore
Oltre che per il canto e la compagnia, almeno fino al 1986 i canarini erano regolarmente usati nelle miniere di carbone, come primitivo sistema di allarme. La presenza di gas tossici, come il monossido di carbonio, avrebbe ucciso i canarini prima ancora di avere effetto sui minatori. Poiché i canarini tendono a cantare per gran parte del tempo, fornivano a questo scopo un segnale visibile e udibile.